L’altra Donna

Camilla ViscusiArticoli, Sacro femminino1 Commento

E’ uscita fuori dalla Terra forgiata nel Fuoco.
Tumultuosa, seria.
Senza più regola ma indomita Sposa dell’Obbedienza
Risponde solo al Tuono che muove il sangue
e fa la vita di carne, viscere e ossa.
E’ sporca di fango e suda la luce. Profuma della voce di Dio.
La sua origine è nel buio
ove il silenzio spalanca le fauci per ascendere e discendere il piacere del suono.
E’ un’umida spirale.
Arriva.
Dopo tante apparizioni impallidite come visioni d’acqua nel deserto – oggi – arriva e resta e bagna e grida.
Veste il rosso, veste il bianco, veste il nero
vede l’orizzonte e l’asse verticale del mondo.
Cambia i tuoi occhi mentre, sinuosa, li cammina.

Si riposa il Vento nei suoi capelli.

Non conosce l’educazione, segue solo il sentire
drizza l’orecchio e segue la forza che spinge i pianeti e i cuori a ruotarsi vicini e poi addosso.
Ti domandi forse chi mai sia e perché sotto il suo passo si sgretoli la fantasia
eppure la conosci, il tuo sognare del lupo, di notte, in attesa fra il cielo e il margine della collina,
di serpenti arrotolati all’altezza delle anche
e di ruggiti proibiti e suadenti l’hanno condotta a te.
Non le interessa la cortesia
si muove nella grazia della ribellione che miete l’illusione
e lascia vuoto il campo per guardare come dal nulla
– nuda di cielo e nuda di terra – la verità confessi se stessa.
Dal momento in cui hai deciso di mostrarti, impossibilitata alla fuga per scelta, Lei si è mossa per trovarti.
Arriva come arriva la Morte sui campi di grano.
Resta ferma. Tu sei l’Offerta. Il Sacrificio e le Scuse alla Dea.

Quel profumo che sussurra nell’aria…
lo senti e sai che cosa dice
E’ nata la Rosa di cui le Mani detengono la Conoscenza di petali e spine.
E’ finito il tempo delle margherite.

Un Commento su ““L’altra Donna”

  1. Stelio Zaganelli
    Stelio Zaganelli

    E’ molto bello questo poetico racconto.
    E’ esattamente ciò che sto vivendo.
    Quando decidi di andare verso la verità di te stesso qualcosa di ancestrale, potente e femminile
    si muove verso di te.
    Non so se ho colto tutto il significato, magari ti chiederò lumi via fb.
    Grazie,
    ciao

Lascia un commento